SPORT E ALIMENTAZIONE NELLA LOTTA ALLE MALATTIE…ANCHE QUELLA ONCOLOGICA

16 Maggio 2019di Rolando Bolognino0
SPORT-E-ALIMENTAZIONE-NELLA-LOTTA-ALLE-MALATTIE…ANCHE-QUELLA-ONCOLOGICA.jpeg

Corretta alimentazione e sport sono due anelli della catena del benessere di cui uno rafforza l’altro!

L’alimentazione corretta, quella che si basa sul corretto equilibrio di carboidrati, proteine e grassi, con quantità moderate di proteine animali e grande spazio a frutta, verdura cotta e cruda (leggi dieta mediterranea) e attività fisica programmata agiscono come un farmaco sia di prevenzione che di cura verso tante patologie tra cui anche le malattie oncologiche.

Numerose evidenze scientificamente validate dimostrano che l’inattività fisica è causa rilevante dello sviluppo di malattie cardiocircolatorie, obesità, diabete, depressione, diversi tipi di tumori e della non autosufficienza dell’anziano. L’attività fisica non solo previene queste malattie, ma ne costituisce una forma di terapia: per questo l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda a tutti un livello sufficiente di attività fisica settimanale.

La prima osservazione scientifica risale al 1926 (solo 5 anni dopo la scoperta dell’insulina), anno in cui Lawrence, medico inglese e diabetico, pubblicò sul British Medical Journal un articolo in cui dimostrava su sé stesso che una iniezione di 10 unità di insulina pronta produceva un abbassamento glicemico molto maggiore e più rapido se era seguita da un esercizio fisico piuttosto che se si restava a riposo.

Dal 1926 ad oggi la ricerca ha fatto molti passi in avanti ed oggi sia l’American Cancer Society, sia l’American College of Sport Medicine, sia il National Comprehensive Cancer Network Guidelines for Survivorship forniscono ai medici le indicazioni sugli esercizi da introdurre nei piani terapeutici.
Trenta minuti di esercizio al giorno aumentano le probabilità di sopravvivere e riducono il rischio di ricaduta, migliorando la risposta alle terapie e ne leniscono gli effetti collaterali, perché anche durante la terapia restare attivi ha lo stesso effetto di un farmaco. Va certamente sottolineato che l’attività fisica non può in alcun modo sostituire le terapie, ma oggi i medici che prescrivono un trattamento non dovrebbero tralasciare di dire che l’esercizio fisico gioca un grande ruolo: sono due aspetti della cura.

Gli studi più recenti ed i ricercatori di tutto il mondo in maniera univoca spiegano che l’attività fisica costante riduce la tossicità della chemio. Il movimento svolto durante la chemioterapia riduce la tossicità e l’incidenza degli effetti collaterali che il trattamento comporta. Questi effetti consentono una maggiore aderenza al piano di trattamento e ciò si traduce in un vantaggio sul controllo della malattia, come testimonia uno studio olandese del Netherlands Cancer Institute, pubblicato nel 2015 sulla rivista Journal of Clinical Oncology. (Concomitant low-dose doxorubicin treatment and exercise).

Naturalmente la prevenzione e la cura oncologica vanno supportate da un’alimentazione controllata e ben regolata, i cui principi potremmo sintetizzare in:

Ridurre il consumo di carboidrati semplici e complessi raffinati.
Ridurre il consumo di proteine animali preferendo tra le carni quelle da allevamento biologico e il pesce pescato nel bacino mediterraneo e di piccolo taglio.     
Ridurre il consumo di grassi sia animali che vegetali.     
Ridurre alcolici ed evitare superalcolici.
Ridurre il consumo di affettati, evitare insaccati e cibi trasformati.
Aumentare il consumo di verdura cotta e cruda, preferendo quella a km 0, di stagione.

di Rolando Bolognino

Biologo Nutrizionista in campo oncologico e di prevenzione, esperto in alimentazione sportiva Professore a c. Master in "Scienze della Nutrizione e Dietetica Clinica" presso l'Università degli Studi di Roma Unitelma La Sapienza. Professore a c. Master in "Terapie Integrate nelle Patologie Oncologiche Femminili" presso l'universita Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Responsabile del servizio di Nutrizione Preventiva presso S.I.R.P. (Presidio di Prevenzione Oncologica), Roma. Istruttore Protocolli Mindfulness.


Rispondi

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnalati *


Articoli recenti

Prenota una visita

Rolando Alessio Bolognino - MioDottore.it