MINDFUL RACE: CORRERE CON CONSAPEVOLEZZA

copertina-1-1280x853.png

 

Locandina Evento

Mindful running unisce la corsa con la meditazione, per essere in sintonia con il corpo e
migliorare la propria qualità di vita attraverso la consapevolezza.

Due discipline, la staticità della meditazione e la dinamicità della corsa, apparentemente
distanti fra loro che, se ben miscelate, possono garantirci un nuovo percorso per entrare in
contatto con il nostro corpo e migliorare l’ascolto di sè.

 

Anche la “meditazione dinamica” può rappresentare una modalità utile per recuperare o
mantenere il benessere psico-fisico. Nell’ambito clinico, ad esempio, può rivelarsi utile per
imparare a gestire stati ansioso-depressivi derivanti sia da una malattia che dal percorso di
cura.

La corsa consapevole, ovvero come imparare a cogliere ogni sensazione

 

Corriamo istintivamente sin da bambini e, senza rendercene conto, crescendo separiamo il
movimento consapevole dalla mente, perdiamo la percezione dell’istante e soprattutto del
nostro corpo e delle sensazioni che proviamo.

Stress, ansia, paura, problemi quotidiani spostano i nostri pensieri, la mente prende le
distanze dalla parte fisica e mentre agiamo siamo già proiettati nell’azione futura o
rivisitiamo avvenimenti passati. Difficilmente siamo veramente focalizzati con l’intero essere
sul momento che stiamo vivendo.

La mindfulness nasce dall’esigenza di interrompere gli automatismi di una mente che non
si ferma mai, che viaggia con il pilota automatico. Mindful running insegna a ritrovare una
connessione consapevole con il corpo e, proprio come nella vita quotidiana, anche durante
la corsa usiamo molti modi per spostare l’attenzione da ciò che stiamo facendo.

Mindful runnig vuol dire praticare il “qui ed ora” mentre si corre ponendo attenzione sul respiro che
aumenta con la fatica, sul contatto dei piedi al terreno a tratti irregolare, sul panorama
continuamente mutevole, sulla contrazione muscolare e sul senso di stanchezza che
aumenta, sulla voglia di smettere quando sopraggiunge la noia o la fatica.

Bastano pochi minuti per riuscire a percepire il ritmo cardiaco che aumenta, lo si ascolta, ci si concentra su
ogni battito e in breve tempo la mente è focalizzata unicamente sui movimenti e sui suoni
del corpo. Non c’è spazio per altri pensieri, preoccupazioni o fatica, ma solo ciò che ci
circonda e noi, concentrati sulle sensazioni del corpo in movimento “consapevole”.

Conclusa la seduta di mindful running riviviamo ogni attimo dell’esperienza come fonte di
ispirazione rimanendo in silenzio pochi minuti a occhi chiusi, ascoltando il respiro e il battito
del cuore che rallentano, mantenendo comunque l’attenzione sul corpo che lentamente
riprende il suo ritmo abituale.

 

Percorso di preparazione alla Race

 

4 FASI – 8 SETTIMANE

Percorso di preparazione

Il programma di training sarà articolato in 4 distinte fasi che verranno strutturate su un
allenamento di 8 settimane da 3 uscite ciascuna da svolgere in autonomia.

Ogni settimana avrà una caratterizzazione differente sia per esercizi sulla focalizzazione
dell’attenzione che per tecnica di cammino/corsa alternata.

Scopo delle prime 2 fasi (primo mese) è quello di far sperimentare i vari aspetti di
concentrazione ed attenzione al momento presente che verranno approfonditi nella terza e quarta
fase (secondo mese).

Il primo mese ha anche lo scopo di avvicinare chiunque non
abbia una pratica sportiva costante verso la distanza dei 5 km di corsa.

Ogni allenamento verrà svolto in autonomia, secondo le proprie disponibilità di tempo e
giorni. Unica condizione da rispettare sono le 3 uscite settimanali. Si consiglia di correre a
giorni alterni (ad es. martedì-giovedì-sabato o domenica) evitando uscite in giorni
consecutivi.

Benché sia possibile eseguire le sessioni di allenamento anche su treadmill è
raccomandata l’uscita all’aperto.
La durata di ogni allenamento delle prime 2 fasi è di circa 30-40 minuti, le seconde
2 fasi prevedono una durata di circa 35-50 minuti.

Ogni giornata di allenamento prevede delle istruzioni da seguire che verranno inviate via
email a chi parteciperà al programma e nelle giornate di allenamento è fondamentale avere
un orologio digitale o un cellulare in quanto i cambi di passo e di esercizi sono scanditi sui
minuti.

Scopo del mindful running non è formare atleti, ma far esplorare, con modalità differenti e
personali, le proprietà dell’attenzione. Chi non riuscisse a correre potrà comunque
partecipare al programma anche solo camminando.

 

Race for the Cure 2019

Il programma di allenamento inizierà il 25 marzo e si concluderà il 19 maggio con la giornata 
della Race for the Cure dove tutti i partecipanti al programma di allenamento correranno
insieme con una maglietta dedicata al mindful running.

Sarà un momento di gioia dove i piccoli/grandi sacrifici fatte in queste 8 settimane
saranno l’inizio per un percorso di consapevolezza sempre maggiore e anche la base
per mantenere una sana abitudine di vita sportiva.

 

Per INFO e ISCRIZIONI

Servizio di Terapie Integrate – Centro Senologia – terapie.integrate@policlinicogemelli.it

Oppure attraverso la sezione CONTATTAMI

di Rolando Bolognino

Biologo Nutrizionista in campo oncologico e di prevenzione, esperto in alimentazione sportiva Professore a c. Master in "Scienze della Nutrizione e Dietetica Clinica" presso l'Università degli Studi di Roma Unitelma La Sapienza. Professore a c. Master in "Terapie Integrate nelle Patologie Oncologiche Femminili" presso l'universita Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Responsabile del servizio di Nutrizione Preventiva presso S.I.R.P. (Presidio di Prevenzione Oncologica), Roma. Istruttore Protocolli Mindfulness.


Rispondi

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnalati *


Articoli recenti

Prenota una visita

Rolando Alessio Bolognino - MioDottore.it